Il Castello“Hohe Schloss“

La storia del Castello di Füssen

Sulla protostoria si è molto speculato. Dal punto di vista archeologico si è potuto stabilire che tra il 300 - 350 dopo Cristo esistesse una costruzione o campo militare. La storia posteriore è complicata e dal 1313 circa sia il convento sia la città dipendevano dai vescovi di Augusta.

Oggi al secondo piano, il castello Hohe Schloss, presenta in sei diversi sale di carattere diverso, una collezione di pittura tardo-gotica, per lo più dipinti di provenienza sveva, e alcuni della fine del 16.mo secolo.

Il vescovo Federico II di Zollern nel 1500 fece ingrandire il castello Hohe Schloss - che aveva quindi le attuali dimensioni - e lo fece decorare e abbellire con delle rimarchevoli pitture. Così il castello contava tra i più grandi e significativi castelli medievali della Svevia.

La "Rittersaal" - la sala dei cavalieri - con uno sfarzoso soffitto a cassettoni intagliato, fungeva da sala rappresentativa, nella quale il re Massimiliano I e la sua corte vennero spesso ricevuti come ospiti del vescovo.

Nell'ala settentrionale si trova oggi la Galleria Statale Bavarese che ospita opere d'arte tardo-gotiche e rinascimentali di artisti dell'Algovia e della Alta-Svevia e la Galleria civica.

La torre dell'orologio

Nella torre dell'orologio del castello abitava il campanaro, che dal suo balconcino aveva una spettacolare vista sulla cittadina medievale. Lateralmente si trova una bertesca, che serviva a difesa del castello. I piani sottostanti erano organizzati come celle per i prigionieri.

Se volete fotografare il Castello di Füssen, programmate una vacanza in Baviera e prenotate una camera all'hotel zum Hechten!

+Großansicht +Großansicht +Großansicht
websLINE-Professional (c)opyright 2002-2017 by websLINE internet & marketing GmbH
Altstadt Hotel Zum Hechten Altstadthotel & Schlossgasthof "Zum Hechten"
Ritterstraße 6 .
D-87629 Füssen im Allgäu
tel: +49 (0)8362/91600
fax: +49 (0)8362/9160-99
e-mail: info@hotel-hechten.com